Inter, il Chelsea insiste per Casadei: prima offerta formulata ai nerazzurri

Il Chelsea di Thomas Tuchel ci sta provando per Cesare Casadei: la prima offerta è già stata formulata all'Inter

Casadei Inter
29 Luglio 2022

Redazione - Autore

Il Chelsea ci sta provando seriamente per Cesare Casadei. Il centrocampista nerazzurro era oggetto della trattativa tra Bremer e l’Inter ma alla fine il difensore brasiliano ha scelto la Juventus. Il Torino ci ha provato lo stesso nel corso dei giorni successivi, ma ora è arrivata anche la chiamata del Chelsea. I Blues hanno fatto un’offerta ufficiale ai nerazzurri di circa 7/8 milioni di euro. L’Inter, però, vorrebbe inserire il diritto di ricompra, anche se al momento non è stata inserita. La dirigenza nerazzurra ovviamente non vorrebbe cederlo a titolo definitivo senza aver una possibilità di riacquistarlo, dunque bisognerà capire i prossimi sviluppi.

Inter, offerta del Chelsea per Casadei

Il Chelsea ci sta dunque provando seriamente per Cesare Casadei: l’Inter ora dovrà capire cosa farne del ragazzo. Sicuramente sarebbe un’opportunità importante per il giovane centrocampista classe 2003 ma bisognerà capire la volontà di entrambe le parti.

Inzaghi Inter

Chi è Casadei

Chi è Cesare Casadei? Nella Primavera dell’Inter ha giocato da centrocampista centrale e da trequartista. Nato il 10 gennaio 2003 a Ravenna, ha iniziato la sua giovane carriera nel Cervia. Poi il passaggio al Cesena e, nel 2018, all’Inter.

Casadei, con i nerazzurri, ha alzato al cielo lo scudetto Primavera da capitano (si tratta del decimo titolo nella storia dell’Inter). Un grande fiuto del gol ha portato il giovane centrocampista a terminare la stagione con 16 gol segnati e 5 assist forniti ai propri compagni tra campionato e Youth League. Nella finale playoff contro la Roma, inoltre, è stato suo il gol all’81′ che ha permesso allInter di pareggiare il gol di Vicario.

Centrocampista di indubbia qualità, tant’è che anche il Chelsea ha messo gli occhi su di lui. Ora starà all’Inter capire cosa dover fare con il giovane talento: un’opportunità all’estero potrebbe essere motivo di crescita ma lasciarlo andare via potrebbe anche essere un grande errore.

Lascia un commento