Consigli Asta Fantacalcio 2022/2023: 7 scommesse da prendere

Consigli Asta Fantacalcio: le scommesse da prendere. 7 giovani giocatori da comprare all’asta del fantacalcio 2022/2023

martin satriano empoli
1 Agosto 2022

Redazione - Autore

Consigli Asta Fantacalcio 2022/2023 – Qual è una delle gioie più grandi per un fantallenatore? Beh, sicuramente quella di vedere una delle sue scommesse (presa magari a 1) portare bonus a volontà durante la stagione. Per vincere al Fantacalcio, si sa, c’è bisogno di una rosa ben strutturata, equilibrata con i soliti top e semitop di reparto, ma gli ultimi slot possono sempre essere ricoperti da scommesse a basso costo. E chissà che durante quelle 38 giornate non siano proprio quei giocatori a diventare i top e i semitop che tutti nella vostra lega alla fine dovranno rimpiangere. Scopriamo le 7 scommesse più interessanti da prendere all’asta 2022/2023.

Fantacalcio – Scommesse: 7 giovani da prendere all’asta

GIORGIO SCALVINI (Atalanta) – Già la scorsa stagione ha ricevuto un minutaggio abbastanza elevato e a oggi, con Palomino fuori dai giochi, risale prepotentemente nelle gerarchie di Gasperini, il quale spesso ha riservato ottime parole per il classe 2003. E non solo, perché anche Mancini in Nazionale ne ha parlato benissimo. Inoltre è molto pericoloso in zona gol. Che dire, le carte in regola le ha tutte, ma l’ultima parola ce la riserverà il campo. Ottimo da prendere a 1 in molte aste, dove potrebbe passare inosservato.

Scalvini Atalanta

ANDREA CAMBIASO (Bologna) – Di certo non proprio una scommessa, ma in molte leghe da 8-10 può esserlo. Arriva in prestito dalla Juve per fare il sostituto di Hickey; sulla carta sarà il titolare, ma dovrà fare attenzione alla concorrenza di Dijks e Lykogiannis. Già l’anno scorso l’abbiamo potuto vedere in azione nel Genoa dove, soprattutto a inizio campionato, ha regalato vari bonus ai suoi fantallenatori. In un Bologna così offensivo, dove andrà a fare l’esterno a tutto campo, ci sono tutte le possibilità per far bene.

BRANDON SOPPY (Udinese) – Partito Molina, se ne fa un altro… come nel famoso detto sui Papi. Nonostante l’arrivo di Ebosele dal Derby County, il titolare sulla fascia destra potrebbe essere Soppy. Purtroppo la stagione passata ha avuto poca possibilità di giocare a causa di una spietata concorrenza, ma ha già fatto vedere le sue enormi qualità. Difficile poter ripercorrere le orme del suo predecessore, ma mai dire mai. È uno da tenere d’occhio.

FILIPPO RANOCCHIA (Monza) – Scuola Juventus, Il giovane 2001 sarà probabilmente titolare nella formazione di Stroppa: può agire sia come mezzala a tre sia come trequartista. Al Monza pesterà zone di campo avanzate, andando spesso a giocare alle spalle delle due punte. Nella primavera bianconera ha spesso trovato il gol, soprattutto da fuori, oltre che qualche assist. Quest’anno giocherà nel calcio dei grandi in una squadra con grandi ambizioni: potrebbe essere una bella scommessa in chiave d’asta, titolarità quasi certa e qualche bonus, preso a 1 può rivelarsi una bella scommessa.

KRISTIAN THORSTVEDT (Sassuolo) – Classe 1999, per lui il Sassuolo ha dovuto sborsare ben 10 milioni per strapparlo al Genk e alla concorrenza. È dotato di ottimo tiro, dribbling e di una notevole fisicità, che come sappiamo bene nel nostro campionato si è dimostrata molte volte determinate. Adatto a giocare sia alle spalle di una punta che come centrale. Si è presentato in conferenza mettendo subito in chiaro la sua fame di gol e chissà che una possibile partenza di Raspadori non possa rendere lui il titolare in un Sassuolo che tante gioie ci regala al Fantacalcio.

kristian thorstvedt genk

MARTIN SATRIANO (Empoli) – Una vera e proprio scommessa per cuori forti. Satriano ripercorre i passi di Pinamonti e arriva alla corte di mister Zanetti, a cui è affidato il compito di valorizzarlo. All’Empoli dopo un anno in Francia, dove nonostante la scarsa titolarità è riuscito a collezionare 4 gol in 15 partite. Non male. Ma quest’anno ha voglia di consacrarsi: può giocherà sia in coppia con Destro sia al posto dell’italiano. Difficilmente rimarrà in panchina a lungo. I gol non mancano, la tecnica nemmeno, è arrivato il momento di giocarsi le proprie carte.

ERIK BOTHEIM (Salernitana) – Approda a Salerno dopo una stagione chiusa con 15 gol nella massima serie norvegese con il Bodø/Glimt. Nelle amichevoli estive sta facendo scintille mettendo subito in chiaro le cose: vuole giocare, ma soprattutto ha voglia di segnare. In patria era spesso paragonato al suo coetaneo e compagno di nazionale Haaland, vedremo cosa potrà fare sotto la guida di Nicola. Ottimo come scommessa a 1 e possibile crack.

A cura di Riccardo Raschiatore

Lascia un commento