Coppa Italia Fiorentina-Bologna, Motta: “Karlsson non ci sarà. Su Zirkzee…”

Thiago Motta è intervenuto in conferenza stampa per presentare Fiorentina-Bologna, valevole per i quarti di finale di Coppa Italia

thiago motta bologna
8 Gennaio 2024

Rosario Savoca - Autore

Reduci da un weekend di campionato entrambe senza vittoria, Fiorentina e Bologna aprono il programma dei quarti di finale di Coppa Italia Frecciarossa. Si contenderanno l’accesso alle semifinali allo stadio Artemio Franchi di Firenze a partire dalle ore 21:00 di martedì 9 gennaio. Nel precedente turno i viola hanno prevalso ai calci di rigore sul Parma, mentre i rossoblù hanno eliminato l’Inter in rimonta. Alla vigilia dell’incontro, Thiago Motta è intervenuto in conferenza stampa per presentare dal suo punto di vista Fiorentina-Bologna.

karlsson bologna

La conferenza stampa pre Fiorentina-Bologna di Thiago Motta

L’allenatore del Bologna ha così esordito di fronte ai giornalisti: “Noi vogliamo dare il tutto per tutto come siamo soliti fare. I ragazzi stanno bene, si stanno allenando bene e pensano solo a questi quarti di finale contro la Fiorentina. Ravaglia giocherà? Vedremo domani. I ragazzi che erano disponibili, sono ok. Devo ancora scegliere chi partirà dall’inizio e chi subentrerà”.

thiago motta bologna

Nel presentare la gara ha spiegato: “Ogni partita è indipendente, non importa che la Fiorentina arrivi da una sconfitta. In campionato contro di noi hanno vinto loro, ma meritavamo molto di più. Noi daremo il massimo, cercando di portare la partita dalla nostra parte. Zirkzee dovrebbe essere in gruppo già da domani (9 gennaio), lo stesso discorso per gli altri, da valutare Skorupski e Ravaglia“.

motta conferenza stampa fiorentina bologna

Infine Thiago Motta ha così concluso la conferenza stampa della vigilia dei quarti di finale: Karlsson non è disponibile. Bonifazi al Frosinone? Sono felice per lui, volevo dargli più minutaggio. Mi dispiace, ma con i giocatori che ho era difficile farlo giocare. Per il mercato ci sono due nomi che possono portare alternative diverse in campo, coprire altri ruoli. Se arriva un ragazzo che fa un ruolo solo deve essere un fenomeno”.

Lascia un commento