Roma, Mourinho: “Triplete con l’Inter? Speciale. Ora ci riprovo”

Alla vigilia della sfida tra Inter e Roma, José Mourinho ha rilasciato un'intervista sul suo presente giallorosso e sul passato nerazzurro

Mourinho Roma
30 Settembre 2022

Redazione - Autore

Domani sabato 30 settembre, alle ore 18:00, andrà in scena l’attesissimo big match dell’ottava giornata di Serie A. Allo stadio Giuseppe Meazza in San Siro scenderanno in campo Inter e Roma. Già di per sé si tratta di una sfida affascinante, ma dallo scorso anno lo è ancora di più. José Mourinho è da sempre un allenatore molto divisivo, amato da alcuni e odiato da altri. Lo Special One non ha mai sofferto questa cosa, tanto da essere lui in primis, in svariate occasioni, a provocare i tifosi avversari. La sfida di domani, però, sarà differente. Mourinho sarà ospite in uno stadio in cui verrà probabilmente osannato dai suoi tifosi, così come dagli avversari. Proprio alla vigilia di questo Inter Roma, José Mourinho ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

Le parole di Mourinho su Roma, Inter, il Triplete e Totti

Roma e Inter, giallorossi e nerazzurri, le due realtà Italiane ormai di casa per José Mourinho: “Queste città sono i due centri nevralgici dell’Italia. Milano è il motore dell’economia del Paese, mentre Roma è il centro del potere politico e, si può dire, il museo all’aria aperta della storia italiana. Mi ritengo fortunato ad avere avuto la possibilità di vivere in entrambe le città“. Quella dello Special One è una carriera ricca di successi. In Italia ha appena riportato una coppa europea dopo molti anni, guidando i suoi alla conquista della prima UEFA Conference League. Domani tornarà dopo invece ha ottenuto uno dei risultati più di spicco di tutta la storia dell’Inter, il Triplete: “Impossibile scegliere il più grande successo della mia carriera. Ogni vittoria è speciale e ogni trofeo unico a suo modo“.

Milito e Mouinho Inter triplete

Certamente l’impresa con l’Inter è stata a suo modo storica, ma è avvenuta ormai diversi anni fa. Per chi, di conseguenza, sospetta che non abbia più la fame e l’ambizione di un tempo, l’allenatore portoghese preferisce mettere le cose in chiaro: “Darò tutto me stesso. La mia voglia di vincere non andrà mai via“. Certamente parole che entusiasmano il pubblico romanista, pronto a farsi guidare verso un futuro ricco di successi.

abraham dybala pellegrini roma

Infine, Mourinho ha anche voluto toccare uno dei temi più cari ai tifosi giallorossi. Zanetti, bandiera assoluta dell’Inter, è ora in società, così come Maldini con il Milan. Tutti i fan della Roma nutrono la speranza che anche la loro bandiera, Francesco Totti, possa entrare nel progetto. “Non esiste questo problema. Francesco è sempre stato e sempre sarà un simbolo della Roma qualsiasi cosa succeda e indipendentemente da quello che deciderà di fare nella sua vita

Lascia un commento