PSG, Skriniar: “Finalmente sono dove ho sempre voluto essere”

Il difensore del Psg, Milan Skriniar, ha rilasciato un'intervista ai microfoni ufficiali del club parigino

skriniar psg
22 Novembre 2023

Sofia Silveri - Autore

Milan Skriniar, calciatore ex Inter ora in forza al PSG, si è raccontato in un’intervista ai microfoni ufficiali del club. In particolare, il difensore ha confrontato la sua esperienza in Ligue 1 con quella trascorsa in Serie A.

luis enrique psg

Psg, l’intervista di Skriniar

Il numero 37 del Paris Saint Germain ha esordito così: “Mi sento bene a livello fisico. Finalmente sono dove ho sempre voluto essere. Ho lavorato veramente duro per arrivare qua”.

Sicuramente, queste parole del giocatore fanno trasparire un riferimento all’esperienza vissuta con la maglia nerazzurra e probabilmente non saranno gradite dal popolo dell’Inter.

In seguito, il difensore slovacco ha continuato: “Cosa ci chiede Luis Enrique? Ha un modo di giocare in cui desidera avere la palla, vogliamo controllare la gara. Se noi abbiamo il pallone gli avversari sono costretti a correre per provare a recuperarlo e non possono attaccarci. Mi piace, è un ideale, un vero stile di gioco. Marquinhos? Tra noi parliamo italiano, ci siamo capiti sin dal primo momento. Secondo me è uno dei migliori difensori a livello mondiale e non lo dico perché ci gioco insieme, lo pensavo già prima di conoscerlo. Andiamo molto d’accordo ed è fantastico”.

psg skriniar intervista

Infine, Milan Skriniar ha così concluso: “Cosa cambia tra Serie A e Ligue 1? La grande diversità è che qui in Francia ci sono molti giocatori forti fisicamente e veloci. In Serie A c’è molta più tattica, qui è un gioco fatto di uno contro uno tra giocatori molto solidi e quindi più difficili da gestire. Quando le altre squadre sfidano il Paris Saint Germain sembra sempre che stiano vivendo la finale dei Mondiali. Dobbiamo essere sempre pronti, siamo una delle squadre migliori al mondo. Che rapporto avete con i tifosi? Sentiamo il loro sostegno e riceviamo energia in ogni gara. Ci hanno applauditi anche quando abbiamo perso col Nizza, è bello giocare di fronte a loro”.

Lascia un commento