Lazio, Zaccagni vede neroverde e segna: 3 gol su 3 contro il Sassuolo

Mattia Zaccagni ha trovato ieri sera il suo terzo gol in campionato. Tutti e tre sono arrivati stranamente contro il Sassuolo.

13 Dicembre 2021

Redazione - Autore

Nel pomeriggio di ieri la Lazio di Maurizio Sarri è caduta per l’ennesima volta contro una squadra, per lo meno sulla carta, inferiore. Il Sassuolo di Dionisi è riuscito a ribaltare il risultato da situazione di svantaggio e portare a casa altri tre punti contro una big del campionato, dopo aver battuto Juve e Milan e pareggiato con il Napoli.

A incidere sulla rimonta è stato il solito Domenico Berardi, che è già a quota 8 gol, aiutato nel finale da Giacomo Raspadori, che sembra essere finalmente rinato. Per la Lazio ha segnato invece Mattia Zaccagni, che sembra aver convinto Sarri a schierarlo nell’11 titolare dei biancocelesti.

Zaccagni, tre su tre al Sassuolo

Mattia Zaccagni ha vissuto un inizio di stagione complicato. Ha iniziato con la maglia numero 10 e la fascia di capitano dell’Hellas Verona ma a poche ore dal termine del calciomercato si è trasferito alla corte di Sarri per cercare fortuna in una big e giocare in Europa. Prima di diventare biancoceleste, ha avuto occasione di giocare le sue ultime partite con il Verona e contro il Sassuolo siglò una doppietta nella prima di campionato, persa per 2-3.

Trasferitosi nella capitale, il suo inserimento nella Lazio è stato un po’ complicato anche a causa di qualche problema fisico di troppo. Nelle ultime settimane Zaccagni è tornato al 100% e Sarri lo sta sfruttando al massimo, in Serie A e in Europa League. Ieri sera ha trovato il suo primo gol con la maglia biancoceleste, ancora una volta contro il Sassuolo.

I numeri di Zaccagni

Tra gare da titolare e da subentrato, l’esterno classe 1995 è sceso in campo 11 volte, segnando 3 gol e siglando anche un assist. 7,2 di fantamedia e la speranza della sua esplosione per tutti i fantallenatori che hanno puntato su di lui (soprattutto quando gioca contro il Sassuolo).

A cura di Federico Bompieri

Lascia un commento