Candreva è da urlo, delude Di Tacchio: i top e i flop di Salernitana-Sampdoria

Torna alla vittoria la Samp di D'Aversa, terza sconfitta consecutiva per la Salernitana di Colantuono: i top e flop del match

21 Novembre 2021

Redazione - Autore

A Salerno, si sfidano la Salernitana di Colantuono e la Sampdoria di D’Aversa. Entrambe le squadre sono in un momento di difficoltà e devono necessariamente fare punti. La Salernitana arriva da due sconfitte consecutive, la Samp – invece – da tre.

Alla fine, riesce a spuntarla la Samp che si dimostra più cinica della Salernitana. Errori fatali della Salernitana, entrambi i gol subiti erano evitabili. Buona prestazione per la squadra di D’Aversa, che riesce a scacciare il pericolo esonero. Continua invece il periodo no per la squadra di Colantuono, che oggi ha perso anche Ribery per infortunio.

Top Salernitana

FRANCK RIBERY: 6 – La sua classe fa la differenza: dalle sue giocate nascono tutte le azioni più pericolose dei suoi. Esce infortunato a metà secondo tempo, per raggiungere la salvezza dovrà riprendersi in fretta.

Flop Salernitana

FRANCESCO DI TACCHIO: 5 – Macchia la sua prestazione con un autogol pesante, cha dà il via alla vittoria della Samp. In generale, gira a vuoto e non riesce a dare un contributo ai suoi.

MILAN DJURIC: 5 – Colantuono preferisce lui a Simy, ma neanche Djuric riesce a risolvere il problema gol della Salernitana. Continua così il suo digiuno da gol.

Top Sampdoria

ANTONIO CANDREVA: 7 – Solita prestazione di qualità e quantità per Candreva, è lui la stella della Samp di D’Aversa. Anche oggi riesce a iscrivere il suo nome nel tabellino dei marcatori.

EMIL AUDERO: 7 – Con le sue parate è stato decisivo in diverse occasioni. Dà sicurezza a tutta la difesa e resta sempre concentrato per tutti i 90 minuti. La sua parata su Ranieri è stata strepitosa.

audero

Flop Sampdoria

BARTOSZ BERESZYNSKI: 5,5 – Prova un po’ sottotono per il terzino della Samp, spinge poco in avanti e prende un giallo ad inizio partita che lo condiziona per il resto del match.

A cura di Emiliano Tomasini

Lascia un commento