Partite rinviate, cosa succede al fantacalcio

Partite rinviate al fantacalcio: cosa succede? Il regolamento ufficiale e cosa fare quando vengono rinviate una o più partite in Serie A

pallone serie a
19 Giugno 2022

Redazione - Autore

Spesso, durante la stagione, capita che certe partite vengano rinviate dalla Lega Calcio Serie A. I motivi possono essere diversi, dalle condizioni meteorologiche che portano all’impraticabilità del campo, ai casi di positività al Covid 19. Quando una gara è rinviata, ci si chiede spesso quale sia la soluzione da adottare nelle leghe fantacalcio. Il dubbio è se aspettare che la partita si giochi o optare per la regola del 6 politico. Cosa succede al fantacalcio quando una partita viene rinviata?

Fantacalcio: il regolamento per le partite rinviate

Il regolamento ufficiale del fantacalcio parla chiaro in caso di partite rinviate. Gli scenari sono due:

  1. La partita viene rinviata e giocata prima del turno successivo.
  2. La partita viene rinviata e giocata dopo un periodo di tempo più lungo.
serie a partite rinviate fantacalcio

Nel primo caso non succede nulla di strano. Si aspetta a calcolare il risultato finale e si prenderanno in considerazione i voti dopo il recupero. Nel secondo caso, invece, non c’è una regola fissa. I fantallenatori possono dunque decidere se aspettare il recupero e poi calcolare la giornata, oppure optare per la regola del “6 politico”. Con quest’ultima, a tutti i componenti della rosa – potenziali titolari, potenziali riserve, infortunati e squalificati – verrà assegnato il 6. Inoltre, se la vostra lega opta per il modificatore, verrà preso in considerazione il 6 come fosse un voto normale a tutti gli effetti.

Sarà quindi una scelta dei fantallenatori se aspettare o meno, considerando che un rinvio può slittare di diverse settimane o addirittura mesi. Può dunque succedere che un rinvio si incroci con la finestra di calciomercato e che un calciatore cambi squadra e si trovi a giocare un recupero, cosa succede in questo caso?

pallone serie a

Può capitare che un giocatore si trovi a giocare un recupero della giornata X con la sua nuova squadra, sebbene la sua vecchia squadra abbia già giocato la giornata X. Nel caso in cui il calciatore abbia giocato il turno X con la sua vecchia squadra, prendendo un voto o un sv, rimane valida la prima valutazione e quella del recupero non verrà presa in considerazione. Se, al contrario, il calciatore non ha messo piede in campo nella prima occasione, sarà tenuta valida la prestazione del recupero.

Lascia un commento