Lazio, Sarri: “Immobile sta piuttosto bene. Zaccagni? Sembra fare il compitino”

L'allenatore biancoceleste è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara di Europa League, parlando di temi importanti anche in ottica-Fantacalcio

24 Novembre 2021

Redazione - Autore

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara di Europa League contro la Lokomotiv Mosca, l’allenatore della Lazio Maurizio Sarri ha toccato diversi temi interessanti anche in ottica-Fantacalcio, tra cui la condizione di Ciro Immobile, che ha saltato la sfida della scorsa settimana contro la Juventus.

Le parole di Sarri su Immobile e Zaccagni

Sta piuttosto bene. Ha fatto il primo e il secondo allenamento con noi dicendo che non aveva dolore, ma avvertiva solo una differenza tra i due polpacci. Ora da un paio di giorni questa sensazione è scomparsa. È comunque un giocatore che da alcune settimane si è allenato pochissimo, quasi niente, queste le dichiarazioni su Immobile, che potrebbe quindi riprendere progressivamente sempre più minuti nelle gambe.

Meno dolci, però, le parole di Sarri su Zaccagni: “Rispetto a Verona è un giocatore anche meno in condizione fisica, ha avuto alcune problematiche. Andrà valutato quando avrà accumulato minuti in campo. In questo momento dà la sensazione di fare il compitino, perché non si sente nelle gambe di fare qualcosa in più.

La situazione di Lucas Leiva e il problema Europa League

Lucas Leiva può tornare titolare? Ecco cosa ha detto Sarri: Non ti risponderò mai. Leiva sta meglio, ha avuto un piccolo scadimento di forma normalissimo. Lo sto vedendo molto meglio, anche lui mi ha detto che ha una sensazione di maggiore brillantezza rispetto a due settimane fa”.

Non mancano poi le stangate sulla calendarizzazione della stagione, specialmente con gli impegni di Europa League: È una problematica enorme, non solo per noi. Perché poi si gioca in campionato dopo 60-70 ore. Andremo lì e ce la giocheremo, come è giusto che sia. Non possiamo pensare di andare in giro per l’Europa e non provare a qualificarci. Però se mi chiedi se l’Europa così è un problema, ti dico di sì. I calendari fatti così sono difficili, portano a un deterioramento del gioco e dei calciatori. Mi meraviglio che l’associazione dei calciatori stia zitta, aveva lottato per una settimana di ferie a Natale e non per questo. Se poi uno sottovaluta il nostro girone di Europa League è folle, è superiore ad alcuni di Champions”.

Lascia un commento