Lazio, Isaksen svela: “Con Sarri non parlavo molto. Su Tudor…”

L'attaccante della Lazio Gustav Isaksen ha rilasciato un'intervista nella quale ha parlato di Sarri e non solo

21 Marzo 2024

Gabriele Giammona - Autore

Gustav Isaksen è diventato titolare nell’ultimo periodo della gestione Sarri anche a causa dei molteplici infortuni di Zaccagni, è riuscito a farsi largo tra la concorrenza dell’attacco biancoceleste. In questa Serie A ha messo a segno due gol e un assist in ventiquattro gare disputate. L’esterno d’attacco danese, in un’intervista concessa ad Avisen.dk, ha parlato del suo rapporto con l’ormai ex allenatore della Lazio e delle sue prime impressioni su Tudor.

Isaksen Lazio

Lazio, l’intervista di Isaksen

L’attaccante della Lazio ha commentato l’ultimo periodo vissuto nella capitale: “È stata una settimana impegnativa. Prima con l’addio di Sarri, poi abbiamo giocato una gara dove è subentrato il vice allenatore, Giovanni Martusciello, anche se poi ha dovuto lasciare il club pure lui. La settimana è iniziata in modo un po’ folle“.

Sarri Lazio

Poi ha continuato parlando di Maurizio Sarri: “Il mio rapporto con Sarri era buono, anche se non è stato facile all’inizio, con lui non parlavo tanto, non era proprio il tipo che parlava tanto con i giocatori. È stato più attraverso il nostro capitano. Sarri parlava solo di calcio e basta. Voleva che parlassi in italiano e poco in inglese, per fortuna un suo collaboratore parlava con me nella lingua che capivo meglio. Sarri sapeva un po’ l’inglese, ma non era contento di parlarlo. C’era molta tattica e dovevo solo abituarmi. Solo di recente ho iniziato a capirlo, quindi è un po’ fastidioso”.

Infine, Isaksen ha concluso commentando le idee di gioco del nuovo allenatore: “Modulo di TudorPenso che mi si addica meglio il suo tipo di calcio. Ovviamente ci sono voluti alcuni mesi prima di capire cosa voleva Sarri. Penso che sarà più facile con lui qui. Il mio compagno Guendouzi, l’ha avuto a Marsiglia, quindi ci ha raccontato un po’ di lui. Ha detto che si gioca molto uomo su uomo e gioca un po’ con lo stesso modulo che hanno qui in nazionale con un 3-4-2-1, quindi sarà un po’ diverso, ma anche emozionante. Differenza tra Sarri e Tudor? Mister Sarri parlava tanto di tattica, con Tudor credo che daremo più intensità al nostro gioco“.

Lascia un commento