Atalanta, Gasperini: “Muriel è indietro. Gosens? Speravamo di velocizzare…”

Gasperini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Atalanta-Roma: ecco le parole del tecnico della 'Dea'

gasperini atalanta
17 Dicembre 2021

Redazione - Autore

Gian Piero Gasperini ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del big match di Serie A tra Atalanta e Roma di sabato 18 dicembre. La ‘Dea’ è a soli 3 punti dalla vetta, occupata dall’Inter e domani contro i giallorossi di José Mourinho ha l’occasione di mandare un altro segnale importante al campionato. Ecco le parole di Gasperini.

Atalanta, Gasperini rassicura sul tema infortuni: “Tutti tranne Gosens”

Gasperini ha aperto la conferenza parlando del momento generale della squadra: “Abbiamo bisogno di migliorare il nostro rendimento in casa e ci aspetta una partita di cartello contro una squadra di valore. Mourinho è un grande allenatore, sia per l’entusiasmo che ha portato che per la sua storia. Sono convinto che potrà alzare il livello, è umano anche lui”.

GOSENS– Sul tema infortuni Gasperini ha detto: A parte Gosens ci siamo tutti, speriamo presto di recuperare anche lui. C’è stato un momento in cui abbiamo sperato di velocizzare, ma sin da subito ho visto l’importanza della lesione”.

EX-L’allenatore della ‘Dea’ ha accennato anche a tre giocatori della Roma che ha allenato proprio a Bergamo: Cristante è un leader come lo era da noi, Mancini è un giocatore di grande valore e Ibanez da noi in quel momento non giocava ma si è sempre impegnato e la Roma lo ha voluto fortemente”.

MURIELMuriel era partito benissimo, poi l’infortunio lo ha bloccato, già da qualche settimana è tornato ad essere quello dello scorso anno e per noi è un giocatore fondamentale. A livello di minutaggio è indietro perché ha avuto l’infortunio”.

MIRANCHUK“È un dato di fatto che predilige giocare in una zona di campo. Dico sempre che un giocatore va gratificato e messo dove esprime al meglio, poi per necessità si fanno degli accorgimenti. De Roon in emergenza può fare anche il portiere, ma non solo lui. Non è colpa di nessuno, il giocatore è molto forte e non c’è nessun dubbio su questo, ha talento e tecnica, ha avuto difficoltà di inserimento. È un ragazzo buonissimo, educato, rispettoso”.

Lascia un commento