Felipe Anderson, Pedro e Romero: chi sarà il preferito di Sarri?

Il reparto esterni in casa Lazio è quasi al completo: Felipe Anderson, l’ultimo arrivato Pedro e i giovani Raúl Moro e Romero. In attesa di definire la situazione Correa, cerchiamo di capire chi sarà il fedelissimo di Maurizio Sarri

23 Agosto 2021

Redazione - Autore

Per passare da un 3-5-2 ad un 4-3-3 è necessario avere a disposizione diversi esterni, e in casa Lazio questo è avvenuto. Che le fascia siano “sacre” per Maurizio Sarri non è di certo una novità, e ora si sta iniziando a selezionare i titolari. Al momento l’esterno più inamovibile di tutti dovrebbe essere Felipe Anderson. Il brasiliano, dopo due anni e mezzo lontano da Roma (West Ham e Porto), ha fatto ritorno nella Capitale e sembra decisamente carico. In orbita Fantacalcio, affiancato a uno tra i top centrocampisti, potrebbe essere un ottimo colpo, il motivo? Che tornerà a giocare nel proprio ruolo e non più adattato come con Inzaghi. Archiviato Anderson, osserviamo il neo-acquisto Pedro.

L’ex Roma è un regalo per Sarri, mandante dell’acquisto che ha già allenato lo spagnolo al Chelsea, e anche lui potrebbe vedere il campo diverse volte. Lo scorso anno, con la Roma, iniziò benissimo trascinando i giallorossi per le prime gare, ma chiaro che a quell’età si è più soggetti ad infortunio. Al Fantacalcio rientra nella lista attaccanti, dunque potrebbe essere preso come quarta/quinta scelta. Discorso diverso invece per Raúl Moro e Luka Romero. Puntare esclusivamente sui due potrebbe risultare azzardato, ma entrambi hanno i numeri per essere tra le sorprese di questa stagione, e averli in rosa potrebbe far trarre benefici ai Fantallenatori. Lo spagnolo (Moro) per gerarchie è in vantaggio, ha già esordito in Serie A e a Empoli ha giocato anche una mezz’ora abbondante. Anche Romero però, dovrebbe avere il suo spazio. L’argentino è arrivato come il “mini-Messi” e, a soltanto 16 anni, ha già stregato Mister Sarri, che nell’ultima conferenza ha detto: “Non ho mai visto un ragazzo della sua età cosi forte e determinato”. Dichiarazioni così fanno capire che il giovane è ben visto, ma fate attenzione e non affidate a lui soltanto il reparto offensivo.

Gli Esterni con Maurizio Sarri

Gli esterni nel “Sarrismo” hanno un ruolo molto importante, infatti la media voto delle ali sotto la guida del toscano è decisamente buona. In cima alla lista c’è Paulo Dybala, che nell’esperienza alla Juventus del mister ha raggiunto una media voto pari a 6.81. Subito dopo la “Joya”, troviamo Lorenzo Insigne, che nel 2018, agli ordini di Sarri con il Napoli, è arrivato a una media voto di 6.51. Rimanendo sempre in casa Napoli, un altro calciatore a far bene con l’attuale allenatore della Lazio, è stato Callejon. Lo spagnolo nel 2017 ha ottenuto una media voto di 6.46, e nei voti di tutti i citati sono esclusi i bonus. Ora Sarri è tornato e i suoi esterni sono più che pronti, fateci un pensiero Fantallenatori.

Correa sì o no?

“Il suo ruolo in questo momento è da valutare. Stiamo parlando di un giocatore forte, ma lui in tempi non sospetti ha espresso la sua idea. La situazione è in divenire, questo non lo mette nelle condizioni mentali ideali per giocare. Per quanto riguarda l’argentino capiremo nei prossimi giorni la situazione”. Queste le parole di Sarri su Correa in conferenza. Attualmente il “Tucu” è fortemente monitorato dall’Inter, ed è seguito anche in Inghilterra, per questo la sua situazione in casa Lazio diventa sempre più complessa, non a caso contro l’Empoli ha osservato tutta la partita dalla tribuna. Per quanto riguarda il Fantacalcio, in questo momento prendere Correa sarebbe un rischio. Se a calciomercato concluso l’argentino sarà rimasto alla Lazio, aggiudicarselo potrebbe essere una buona scelta (anche se potrebbe non essere titolarissimo come lo scorso anno), ma per chi fa l’asta prima della chiusura del mercato, il consiglio è di non prenderlo. Se invece il classe ’94 dovesse approdare all’Inter, potrebbe anche essere inserito in una rosa come seconda/terza scelta. A quel punto la Lazio tornerebbe sul mercato alla ricerca di nuovo esterno, cambiando nuovamente le gerarchie nella testa di Maurizio Sarri.

A cura di Lorenzo Latino

Lascia un commento